fbpx

Convivialità. E’ questa la parola più bella ritrovata dopo un anno e mezzo di sacrifici da pandemia. Lo stare insieme in sicurezza, ma anche con ritrovata gioia e tranquillità.
Ed è stato proprio questo il valore della serata organizzata dall’avvocato gourmet Sergio Sbarra a Taverna La Lanterna, locale già meta dei viaggiatori di gusto situato a San Gennaro Vesuviano e guidato da Marco Ferrara.
.
Che il padrone di casa, insieme alla resident chef Luisa Evangelista, sia una persona speciale lo si intuisce subito: dalla sportività con cui ha aperto le porte anche agli amici improvvisati chef e, soprattutto, ai piatti preparati da altri maestri della ristorazione.
.
Tema della simpaticissima serata era appunto “si bussa con i piedi”. Un modo per invitare i commensali ad arrivare con le mani piene.
.
Ed è qui che è nata la sfida tra gli ospiti: chi è giunto con mozzarellone, chi con vini pregiati, chi con una succulenta porchetta, chi ancora con la pasta al forno, per non tralasciare il gran finale bollicine e tiramisù.
.
La carrellata si è aperta con un piatto della chef Luisa Evangelista realizzata con pasta artigianale del pastificio Falco, peperoncini di fiume selezionati da Pasquale Calviati e vongole veraci e un primo della grande tradizione culinaria partenopea: la pasta al forno realizzata dal ristorante pizzeria Mattozzi di Paolo Surace (Napoli, pizza Carità), e ancora la porchetta porchettata (porcalamiseria!) di Enri Magna e food. Gran finale affidato alla degustazione di Provolone del Monaco DOP le cui proprietà e il cui valore sono stati illustrati proprio dal direttore del Consorzio, professor Vincenzo Peretti accompagnato dal giornalista Roberto Esse, in qualità di addetto stampa dello stesso Consorzio e alla succulenta mozzarella del caseificio ABC di Capua scelta da Renato Rocco, intervenuto alla serata come direttore de La Buona Tavola.
Non poteva mancare il dolce realizzato sempre dai pasticcieri di Paolo Surace – Mattozzi: un tiramisù che ha conquistato anche i più esigenti e gli scatti di Enrico De Nigris.
Tra gli ospiti autorevoli anche il Presidente del Consorzio Suggestioni Campane Promotion Luigi Carfora con la giornalista Brunella Cimadomo.
.
Valore aggiunto della serata l’abbinamento dei vini ad ogni piatto.
Reso possibile da Salvatore Gaeta con il suo Aglianico dei Campi Taurasini, le etichette dell’azienda I 2 Principati selezionate da Dante Marra e dalla competenza di Nando Polverino che ha potuto portare i presenti in una verticale di Pallagrello de “Il casolare di vino”: particolarmente apprezzate le due etichette Tralice e Selice.