Miccù: “No ad esportare il brand. La fiera resta a Napoli”

Sono oltre 8mila gli operatori provenienti da ogni parte del mondo che si sono accreditati a Tuttopizza, la fiera internazionale di settore che si è svolta alla Mostra d’Oltremare di Napoli.

Al B2B fortemente voluto da Sergio Miccù, presidente dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e da Raffaele Biglietto di TicketLab e organizzato dalla Squisito Eventi, sono arrivati, in particolare, visitatori dall’Australia, dalla Svezia, dalla Polonia e dagli Stati Uniti.

Quasi triplicati – dice Sergio Miccù – gli ingressi rispetto al primo anno. Abbiamo già avuto proposte da Milano e da Roma per replicare lì l’evento, ma abbiamo risposto di no perché è salda l’idea di tenere la fiera qui a Napoli, capitale della pizza. Questo era il motivo iniziale che ci ha spinti ad intraprendere questa nuova avventura e la porteremo avanti con assoluta coerenza”.

La fiera, alla quale hanno partecipato 100 espositori, è servita a favorire, da un lato, scambi commerciali e, dall’altro, la conoscenza tecnica relativa ad impasti, lievitazioni, cotture.

Tra i prodotti che hanno ottenuto maggior interesse commerciale: forni, attrezzature e materie prime di eccellenza per la preparazione di pizze d’autore.

Affollati tutti gli show cooking: quasi le esibizioni che hanno avuto sempre alla base la divulgazione della conoscenza tecnico-scientifica.

Tra le novità lanciate in fiera, il marchio Pizzachef, volto ad esaltare e promuovere la pizza gourmet attraverso la maestria dei 20 pizzaiuoli che l’anno scorso erano stati insigniti della fascia di Discepoli di Escoffier che, normalmente, viene assegnata solo agli chef.

Il Pizzachef, nelle intenzioni dei promotori (Associzione Pizzaiuoli napoletani, Squisito Eventi, TicketLab e Mondo Pizza Service) sarà presto presentato al grande pubblico.

Sempre in linea con Pizzachef il Trofeo Tuttopizza che è stato composto da squadre (due pizzaioli, due fornai e il caposquadra-presentatore) che si sono esibite nella preparazione di pizze gourmet.

Questa la graduatoria completa dei primi sedici classificati: Libro’s (3980 punti), Olio e Pomodoro Doc (3670 punti), O sole mio (3115), Pulcinella (3080), Four pizza + 1 (2980), Daniele gourmet (2880), La pizza a regola d’arte (2860), Lucignolo Bella Pizza (2760), Fratelli Iaiunese team (2710), Pivetti team (2690), Nanà (2640), Napoli 1820 (2620 punti), Ristorante pizzeria Macrito (2510), CSF Formazione (2430), Team castellana (2370), Rosso Pomodoro (2180).

Tuttopizza 2017 ha sancito, inoltre, la nascita della figura del “pizzalier”, gli assaggiatori di pizza.